Torna alla sezione:La vite e il vino a Pompei

Innestatoio

I secolo d.C.
Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei
Inv.2095 a

Serviva per eseguire innesti "a occhio". Gli innesti delle viti venivano fatti all'inizio della primavera, quando rientrava in circolo la linfa dopo la pausa invernale.