Loading...

X

FIRENZE c. 1503-1504

Tornato a Firenze, Leonardo riceve dalla Signoria il più importante incarico della sua vita, la Battaglia di Anghiari. Nello stesso periodo inizia capolavori come la Sant’Anna e la Gioconda. Sistemato nel chiostro di Santa Maria Novella per lavorare al cartone della Battaglia, registra anche (nel Codice di Madrid II) la sua più ampia lista di libri, “serrati nel cassone”. Sono 116 titoli, che testimoniano l’ampliamento delle sue letture a tutti i campi disciplinari: letteratura, poesia, storia, religione filosofia, scienze naturali, fisica, meccanica, matematica, geometria, medicina, anatomia. Dopo l’incontro con Luca Pacioli a Milano (1496), Leonardo approfondisce soprattutto lo studio della geometria, avvicinandosi ai testi di Euclide e di Archimede. Sogna la possibilità di rifondare su basi matematiche la stessa pittura (definita scientia) e di individuare un principio unificante per tutte le scienze.

L'evoluzione della biblioteca di Leonardo (Firenze ca. 1503-1504)

Titolo del libro:

X

I libri di Leonardo - Alchimia

X

I libri di Leonardo - Architettura

X

I libri di Leonardo - Arte militare

X

I libri di Leonardo - Arti figurative

X

I libri di Leonardo - Astronomia

X

I libri di Leonardo - Filosofia

X

I libri di Leonardo - Fisica

X

I libri di Leonardo - Grammatica

X

I libri di Leonardo - Letteratura

X

I libri di Leonardo - Matematica

X

I libri di Leonardo - Medicina

X

I libri di Leonardo - Ottica

X

I libri di Leonardo - Religione

X

I libri di Leonardo - Scienze

X

I libri di Leonardo - Storia

X

I libri di Leonardo - Veterinaria

X

I libri di Leonardo - Agronomia

X

I libri di Leonardo - Astrologia

X

I libri di Leonardo - Fisiognomica

X

I libri di Leonardo - Geografia

X

I libri di Leonardo - Psicologia

X

I libri di Leonardo - Scienze naturali

X

I libri di Leonardo - Tecnologia